Il cinema resiliente

TAKE #13: magazine for film professionals

Arte e resilienza sono il fil rouge del tredicesimo numero di TAKE. Tutto ruota intorno alla volontà di reagire, ma senza fermarsi e opporsi rigidamente agli ostacoli, bensì accogliendo il cambiamento che sia da parte dei protagonisti dei film, di coloro che i film li creano o degli eventi cinematografici. In TAKE#13 troverete numerose storie appassionanti proprio su questo tema.

Rivista per il settore cinematografico (2021)
Design e produzione, Publishing management, Redazione e copywriting, Revisione e correzione, Strategia e ideazione, Traduzione

In lingua italiana, tedesca e inglese

Cliente: IDM Film Fund & Commission

Editorial Design: Nina Ullrich
Grafica: Philipp Aukenthaler
Illustrazioni: Oscar Diodoro

Alcuni dei maggiori festival cinematografici hanno trovato la loro strada per risplendere nonostante le severe restrizioni e difficoltà dovute alla pandemia. Questa resilienza, tuttavia, non caratterizza solo i festival, ma anche i protagonisti delle tre produzioni presentate in TAKE#13, che raccontano di fallimento, grande forza di volontà e relazioni interpersonali.

Nel nuovo numero, le tre produzioni illustrate trattano di personaggi provenienti da situazioni disagiate o caratterizzati da forti problematiche personali. Lovely Boy di Francesco Lettieri racconta di una star della scena musicale trap con problemi di dipendenza, Linda Olte dà spazio nel suo film Sisters alla storia di un’adozione ed Eva-Maria, diretto dal regista Lukas Ladner, ha come protagonista una donna affetta da disabilità che con grande determinazione decide di diventare madre. Ognuno di loro riesce, quindi, a riscattarsi dalla sua condizione facendo ricorso alle proprie risorse e a rapporti umani profondi.

“Ci sono certi soggetti che ti fanno dire fin da subito: questo lo voglio. Sisters ne è un ottimo esempio.” Ecco perché Debora Nischler di Albolina Film ha assolutamente voluto coprodurre il lavoro della regista lettone. La società di produzione cinematografica di Bolzano ha subito apprezzato la capacità di Linda Olte di unire la rappresentazione di conflitti interni ed esterni ai personaggi, ma in fin dei conti universali, a momenti più leggeri e gioiosi.

Nel dossier di questo numero il caporedattore Florian Krautkrämer offre una panoramica sul mondo dei festival cinematografici, che sono usciti dalla crisi rafforzati e che stanno ridefinendo per il futuro il loro formato e i loro compiti. Oscar Diodoro accompagna il dossier con illustrazioni che come sempre colpiscono del segno.

„Le sale non sopravvivranno: prospereranno“, afferma il produttore Andrea Occhipinti, che nel 2020 ha ideato la piattaforma digitale MioCinema. Nell’intervista conclusiva di TAKE #13 il produttore osa guardare al futuro con sguardo ottimista e considera la flessibilità dell’industria cinematografica nonché il gioco di squadra tra la sala e il mondo digitale come forti punti a favore della (ri)apertura del mondo del cinema.

Altri progetti:

Una mela al giorno…

ipoma: il magazine per l’economia della mela
Fresko auf Schloss Rosenegg

I tesori dell’Alto Adige

Tutela dei beni culturali in Alto Adige 2014-2018
cover venusta09

Quando sgorgano le… “Zaachn”

venusta 09: il magazine della Val Venosta

Volete lavorare con noi? Ecco i nostri Contatti!
Potete trovarci anche su Instagram e Facebook.