La parola giusta al posto giusto

Qual è la differenza tra editing e correzione bozze? E quali sono gli errori più comuni che incontriamo nel nostro lavoro?

Exlibris Südtirol Blog Lektorat Korrektur

“Di legno” o “in legno”? Il nome di un popolo si scrive maiuscolo o minuscolo? La sillabazione è corretta? Esperti editor e correttrici di bozze hanno la risposta pronta a questi e mille altri dubbi, spesso senza dover consultare un dizionario o una grammatica.

Ma come fare a stabilire quale tipo di lavoro sia necessario quando non si è del tutto soddisfatti di un testo? Vediamo insieme i termini più utili a tal fine.

Editing o revisione

L’editor controlla la sintassi e le caratteristiche linguistiche e stilistiche del testo, verificandone ad esempio l’uniformità, la comprensibilità e la leggibilità del testo, apportando interventi stilistici nel caso di formulazioni infelici o di ripetizioni (come qui sopra!).

Correzione bozze

A livello formale si controllano l’ortografia e la grammatica, la punteggiatura e la sillabazione, l’uniformità della scrittura e il corretto utilizzo di caratteri speciali. Di pari passo si esaminano gli elementi strutturali quali la numerazione delle note a piè di pagina, l’indice e i titoli.

Correzione finale

Per far sì che il testo definitivo sia davvero pronto per la stampa, consigliamo di far eseguire una correzione finale: sul testo già impaginato si fa un ultimo controllo, facendo particolare attenzione agli errori tipografici oppure agli a capo.

Controllo dei dati

Nei testi che contengono molte informazioni, è consigliabile intervenire anche a livello di contenuti, facendo verificare attraverso una ricerca ad hoc nomi, numeri, date, indirizzi e altro.

Bleistifte

Gli errori capitano davvero a tutti, anche a noi! Questi sono i cinque tipi di refusi nei quali ci imbattiamo più spesso nei testi scritti:

1) Errori di grammatica: possono capitare quando si digita un testo in fretta e si modifica poi una parte della frase, scordandosi di rileggere il paragrafo completo.

2) Errori tipografici: comprendono per esempio le virgolette errate.

3) Strafalcioni stilistici: morto un vescovo se ne fa un altro? “Piuttosto che” utilizzato al posto di “oppure”? Può sempre capitare di utilizzare detti, metafore e locuzioni in modo errato. Meglio rileggere!

4) Ortografia inconsistente: shock o choc? Obiettivo od obbiettivo? Spesso l’italiano accetta diverse versioni di una parola: meglio non utilizzare entrambe le forme in uno stesso testo, però, altrimenti si ottiene un pasticcio.

5) Nomi scritti in modo sbagliato: particolarmente insidiosi, perché né il Treccani né lo Zanichelli si pronunciano sul fatto che la persona si chiama Stefanie Pergher e non Stephanié Berger…

Più articoli

Al timone!

If you fail to plan, you are planning to fail, ha detto Benjamin Franklin. In una rivista, lo strumento per una efficace pianificazione si chiama “timone”.

Leggi il post
Exlibris Bozen Digital Export

Il successo passa attraverso i contenuti

Gli esperti di export si affidano ai professionisti della comunicazione: un esempio di best practice dalla nostra redazione

Leggi il post
Pepsi bei Nacht

Questione di… logo!

Perché un logo non deve influenzare il modo di scrivere un nome aziendale

Leggi il post

Volete lavorare con noi? Ecco i nostri Contatti!
Potete trovarci anche su Instagram e Facebook.